The Daily Puppy

martedì 29 novembre 2011

GAME OVER...

Ehilà!! So che lo aspettavate tutti questo post!! quindi lo faccio... lo sto facendo... LO POSTO!!!!! seguitelo con attenzione!! Risponderà ad un bel po' di domande!!


Mi sferrò un pugno ma non so bene come Shaoran si liberò dal controllo del deuncolo e lo bloccò. “Lascia fare a noi Nay’ar.” Mi sussurrò.
Mi voltai.
Anche gli altri si erano liberati dal suo controllo e stavano già cominciano a castare magie e richiamare spiriti. Shaoran si lanciò addosso a Fenril. Si stavano impegnando al massimo ma non sarebbe servito a niente.
Il deuncolo era decisamente più forte di noi e benché congiunte, le nostre capacità erano insufficienti…
___------_____------_____------_____------_____------_____------_____------_____------_____------_____
“ADESSO BASTA INSOLENTI!! MI SONO STUFATO DI GIOCARE CON VOI!!” ci ritrovammo impressi nelle colonne… nel vero senso della parola. Ci scagliò come proiettili contro le colonne… fa male… fa molto male.
Il dolore fu seguito dalla sensazione sgradevole di qualcosa di bagnato che colava dalla nuca e da fitte lancinanti ogni volta che respiravo.
Mi guardai attorno.
Tomoyo era nella mia stessa situazione solo molto peggiore… non era forte quanto me e essere sbattuta contro una colonna… beh diciamo che non lo auguro a nessuno… Paffir,  il mio compare, era quello messo meglio perché l’angolazione con cui aveva sbattuto non gli aveva permesso di incassarsi nella parete. Per quanto riguarda Keber… beh… Keber era quella di noi messa peggio… non aveva finito la sua evocazione e così era svenuta in seguito allo shock. Appena Paffir la vide… apriti cielo… non ci vide più! Corse verso la colonna e cominciò a martellarla per liberare la sua bella…
Fenril, quel deuncolo, ci aveva guardati con un sorrisetto soddisfatto e stava andando da Nay’ar:
“STALLE LONTANA!! MALEDETTA! NAY’AR NAY’AR!! SCAPPAAA!!” GRIDÓ Tomoyo con le lacrime agli occhi. L’urgenza nella sua voce mi fece dimenticare che ero arrabbiato con Nay’ar
“DEVI REAGIREEEE! SORELLINAAAAA” ma a nulla servì il nostro urlare… e a nulla servì il dolore assurdo che provai in risposta all’urlo! Perché il deuncolo non si fermò e mia sorella non si mosse… le diede un pugno nello stomaco facendole sputare sangue, le sfilò la freccia dalle braccia e con un sorrisetto crudele le disse: “Te lo chiedo nuovamente: collaborerete o preferisci avere degli innocenti sulla coscienza?” Nay’ar era combattuta… sapevo però che avrebbe fatto la scelta più saggia… lei faceva sempre la scelta più saggia… poi si sarebbe distrutta dal senso di colpa ma non avrebbe mai permesso che ci finissero degli innocenti in mezzo…
“Io…” cominciò dopo aver sputato sangue “… mi arrendo Fenril… ti aiuterò.” Tipico… non avrebbe coinvolto nemmeno noi…
La pessima imitazione di una divinità si dileguò ridendo maligna e Nay’ar fu libera di cadere in avanti. Sotto di lei una pozza di sangue si allargava a macchia d’olio e lei cominciò a tremare… benché svenuta… l’aveva detto Wu Ten… era qualcosa legato alla perdita di sangue se non sbaglio… oh ma perché non avevo seguito invece di pensare a paste al forno e formaggio filante?? Paffir, che aveva curato Keber, arrivò poco dopo e cominciò a martellare la mia colonna, liberandomi in fretta. Appena arrivai a terra andai dalla mia sorellina e chiesi al mio compare cosa fare… lui, che stava curando Tomoyo dato che io ero scappato, mi rispose stanco: “Com’è la ferita?” gliela descrissi: una grossa abrasione sanguinante e purulenta si apriva sulla sua schiena, impedendole anche di aprire le ali. “È la ferita di un dio… non la posso curare nel mio stato… non so nemmeno se riuscirò a curare te…”
“Ooooh cusciolina… sci sciamo fatte male, sci?” mi voltai verso la vocina nasale che si stava avvicinando… apparteneva ad un omino curioso con uno zaino sulle spalle grande due volte lui e molto più curioso da cui uscivano strani aggeggi… si mosse i fretta e si inginocchiò davanti a Nay’ar: “Oooooh brutte ferite, sci? Sce la sciamo viscta brutta, sci? Ti scisctemo io ora, sci?” ma che diavolo stava blaterando l’omino? E perché trafficando, dal suo zaino tirava fuori monitor, strani apparecchi… un… razzo?? Nay’ar urlò. Un urlo di dolore, che faceva male alle orecchie.
“Sciu sciu! Sctiamo fascendo del nosctro meglio, sci? Rescisctiamo, sci? Ora arriva la pejio parte… forza cusciolina!!” in un tempo ridicolmente breve le aveva ripulito la schiena, evitando la ferita. Lo presi e lo forzai a terra: “Chi sei? Cosa stai facendo?”
“Ooooh… sciamo gelosci, sci? La scto curando… lo vedi, sci? Io poscio curare quescte ferite! Lo poscio fare, sci! Con la mia tecnolojia!” ma che cosa stava blaterando? Strinsi la presa sul collo. Strano che… non si stringesse…
“Chi sei?”
“Oooooh! Io sciono Rei… Takiscima Rei…”

Stavo scherzandooooo!!! Mwahahahahahahahahahahah!
Chi sarà questo Takiscima Rei? Che intenzioni ha? Ora che la 'Piuma di Cupido' è stata presa... cosa faranno Nay'ar e gli altri? Tutto questo (forse) nella prossima puntata di Nay'ar Chronicle: "Rei, via col razzo!" Non perdetelo! Al prossimo post!!! Ciaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaoooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!

1 commento:

  1. Commento non sai dove non sai quando
    #4?? :)
    Lo so, ormai non lo aspettavi più... Ed è proprio quello il momento in cui arrivano i commenti!!!! :)
    Però se continui con sti post "rivelatori" -.-" dove non si capisce un cacchio non va bene!!! uffa.... e adesso chi è Rei??
    UFFAAAAAAAAAAAAA!!!!!!
    va già bene che son riuscita a capire Fenril, anche se di sicuro ci sarà altro, ma tanto i cattivi perdono sempre.. ;) hahahah!!

    Cerca di non passare tu dalla parte dei cattivi continuando a fare post per cui io poi devo scervellarmi!!!!!!!! :)

    Ciau zuzzuvellona vipvenditi pvesto!!!!! :)

    RispondiElimina